Italiano
Inglese
culture
Intervista al designer Robert McKinley
condividi
Share icone
Robert McKinley portrait

Robert McKinley



Robert McKinley è un designer di New York conosciuto per i suoi interni eleganti e accoglienti. Per il New York Times è ”il vivace interprete di un’estetica chic”, mentre per Wallpaper magazine ”ha certamente avuto un ruolo nel definire l’aspetto della New York contemporanea”. Partner di lunga data di Incalmi, nella nostra conversazione abbiamo ripercorso alcuni progetti fatti insieme, che sono anche dei bei ricordi.
Robert, il tuo studio è specializzato in interior design per boutique hotel, ristoranti e progetti residenziali. Cosa li accomuna?

Niente, credo. Alcuni sono simili ad altri, ma per la maggior parte, ogni progetto è unico.

Come descriveresti il tuo stile?

Che domanda difficile. Avrei preferito mi chiedessi il senso della vita, non sto scherzando, sarebbe stato più facile rispondere!

Quali aggettivi useresti?

Beh... senza tempo, accogliente, espressivo e ricco di dettagli. Direi che è il tratto comune dei nostri progetti: ecco, forse ho risposto anche alla prima domanda.

Dove trovi ispirazione per il tuo lavoro?

La maggior parte delle volte nei luoghi e nei materiali.
«Come designer, siamo molto legati alle emozioni, il che significa che ci interessa meno cosa vedi e più ciò che provi»
E per quanto riguarda la musica? Ho letto che hai una colonna sonora per ogni progetto e che la ascolti durante le tue sessioni creative.

Sì, anche se è una cosa che viene dopo. Dopo aver messo a punto il concetto e l'idea, scriviamo la storia e poi iniziamo a costruire la playlist per dare vita a quella storia, come una colonna sonora per un film. Per esempio, se stiamo progettando un beach club nello stile e nello spirito della Capri degli anni '50, la musica è romantica e molto eterea, la playlist include del jazz, della musica italiana, forse delle bellissime chitarre spagnole. Mentre se stiamo lavorando su una casa molto moderna e brutalista, la musica è più austera, un po' più fredda, più cool. La musica ci aiuta a essere un po’ più specifici rispetto all'emozione che vogliamo evocare con quel progetto. Come designer, siamo molto legati alle emozioni, il che significa che ci interessa meno cosa vedi e più ciò che provi. A volte progettiamo anche il profumo, l'odore, li mettiamo anche nelle presentazioni.
Felice Chanbers Hotel, 15 West 56th Street, NY | Ph. Nicole FranzenFelice Chanbers Hotel, 15 West 56th Street, NY | Ph. Nicole Franzen
Felice Chanbers Hotel, 15 West 56th Street, NY | Foto di Nicole Franzen
Hai origini italiane da parte di madre. Pensi che questo abbia avuto un ruolo nel tuo design?

Sì, decisamente. Da bambino, ascoltare le storie sull'Italia era molto bello, molto romantico. A quel tempo non era comune, per i bambini negli Stati Uniti, viaggiare in Europa. Non capitava molto spesso, se non proprio mai. La mia immaginazione si è molto nutrita di quei viaggi.

Cosa significa per te ”design italiano”?

Significa una grande enfasi sulla qualità dei materiali e sull'artigianalità. Mi ha sempre colpito, quando ero in Italia, il senso del valore della creazione, delle qualità artigianali, penso che mi sia rimasto impresso. Per esempio sui tessuti, sentivo commenti tipo ”com’è morbido, com’è delicato, com’è pesante”. Il focus era sul tocco, sul sentire con le mani, e penso che questo tipo di sensazione sia quello che cerco di mettere oggi nei progetti.

Nei tuoi progetti di prodotti e di interni, le tecniche artigianali antiche hanno un ruolo rilevante. Quale trovi più affascinante e perché?

Lavoriamo molto con il vetro di Murano, che è molto speciale, per molte ragioni. Non ci sono molti posti al mondo che lo sanno fare, e quelli che lo fanno hanno imparato dalla gente di Murano. Quindi penso che lì ci sia un patrimonio di conoscenze molto evidente, che mi emoziona.
Sant Ambroeus Palm Beach FLSant Ambroeus Palm Beach FL, details
Sant Ambroeus Palm Beach FL
Quando e come hai conosciuto Incalmi?

Stavamo lavorando per dei ristoranti di fascia alta e volevamo progettare l'illuminazione su misura. In quel periodo mia madre andava a Venezia ogni anno, e l’ho accompagnata. Ho visitato Murano e visto tutti quei bei lampadari, e quando sono tornato ho fissato alcuni incontri con diverse aziende, diverse fornaci, per vedere se potevo realizzare alcuni design personalizzati. Devo aver parlato con forse dieci o quindici produttori, ma la loro idea di custom era ”si può fare questo colore o quello. Si può fare argento o oro”. L'ultima persona che ho incontrato è stata Patrizia, non c'era ancora Incalmi. Ha detto "faremo quello che vuoi". Fine. Avevamo un progetto in corso, con dei tempi di consegna molto stretti, ma loro hanno rispettato la scadenza e i lampadari erano perfetti. Sono ancora nel bar della casa d’aste Sotheby a New York. Col passare del tempo, abbiamo iniziato a lavorare con Incalmi sempre di più.

Qual è il contributo di Incalmi ai vostri progetti?

Incalmi sperimenta e questo è fantastico per un designer, perché una delle cose più difficili è sentire ”no” tutto il tempo, ”no, non puoi farlo”. Incalmi invece dice sempre: ”Non lo so, proviamo”. E questa è musica per le mie orecchie. Finora abbiamo lavorato con legno, rattan, vetro, metallo, pietra, smalto, tessuto. Devo dire che è un grande contributo perché noi non produciamo nulla, noi progettiamo, e quindi quando progettiamo qualcosa abbiamo poi bisogno di qualcuno che poi lo fa. E avere un'azienda con cui collaborare che dice sempre "proviamo" è molto importante.
«Incalmi sperimenta e questo è fantastico per un designer, perché una delle cose più difficili è sentire ”no” tutto il tempo, ”no, non puoi farlo”. Incalmi invece dice sempre: ”Non lo so, proviamo”. E questa è musica per le mie orecchie»
Puoi fare un esempio?

Sì. Stavamo lavorando a un progetto per il quale avevamo bisogno di lampade molto semplici in rattan, e avevamo iniziato a chiedere i prezzi in Asia. E io dissi, proviamo a chiederlo a Incalmi. E loro hanno detto ”sì, possiamo farlo”. E hanno fatto un bel lavoro, hanno trovato un artigiano in Veneto che lavora con il rattan, è stato molto stimolante. Alla fine abbiamo sviluppato un'intera collezione combinando rattan e vetro di Murano, trasformando una tecnica molto rustica in qualcosa di raffinato e sofisticato.
Rattan chair
Rattan chair detail
McKinley rattan workshop
Firmi anche una tua collezione, che si chiama Monea.

Sì, e Incalmi si sta occupando dell’illuminazione.

Quindi li sfidi sempre a sperimentare cose nuove: penso che questo sia importante anche per loro.

Sì, è fantastico. Anche perché nel lavoro capita di incontrare persone con cui non riesci a entrare in connessione. Invece con Incalmi passo un sacco di tempo, andiamo a pranzo e a cena, beviamo e ridiamo e ci raccontiamo un sacco di cose anche sulla nostra vita, e questo è ciò che conta davvero alla fine, scambiare idee, vita.
«Alla fine abbiamo sviluppato un’intera collezione combinando rattan e vetro di Murano, trasformando una tecnica molto rustica in qualcosa di raffinato e sofisticato»
Vieni spesso a Venezia.

Sì, ho visitato la fornace e gli altri partner molte volte.

Di tutti i progetti realizzati con Incalmi, qual è quello che ricordi meglio?

Saint Ambrose Brookfield è stata la sfida più grande. Abbiamo progettato due lampadari lunghi quasi sei metri, e loro sono venuti dall’Italia perché qualcuno ha rotto qualcosa ed è stato necessario creare un pezzo speciale per assicurarsi che il meccanismo di sicurezza funzionasse. Sono proprio sull’autostrada, di fronte alla Freedom Tower, quindi quando ci passo davanti li vedo, sono così eleganti e potenti.
Sant Ambroeus Brookfield Place, 200 Vesey Street, NY | Ph. Nicole Franzen
Sant Ambroeus Brookfield Place, NY | Foto di Nicole Franzen
Sant Ambroeus Brookfield Place, 200 Vesey Street, NY | Ph. Nicole Franzen
Sant Ambroeus Brookfield Place, 200 Vesey Street, NY | Ph. Nicole Franzen
State lavorando a qualcosa insieme al momento?

Stiamo iniziando un nuovo progetto a New York, un beach club con queste bellissime luci ispirate a creature marine, coralli e alghe.
«Questo è ciò che conta davvero alla fine, scambiare idee, vita»